News

News, aggiornamenti e informazioni direttamente dallo staff di Dottor-one.it!

Termini accertamento imposte dirette e IVA

La legge di stabilità 2016 ha modificato i termini ordinari di accertamento ai fini delle imposte dirette e dell'IVA. Con decorrenza dal periodo di imposta in corso al 31/12/2016 sono stati stabiliti nella seguente misura:

- In caso di presentazione delle dichiarazioni nei termini ordinari: 5 anni

- In caso di omesa presentazione delle dichiarazioni: 7 anni.

Novità in materia di indagini bancarie

Il c.d. "Collegato alla Finanziaria 2017" (D.L. n. 193/2016) ha modificato la disciplina degli accertamenti basati sulle movimentazioni bancarie contenuta nell'art. 32 del D.P.R. 600/1973:

- Togliendo per i lavoratori autonomi la presunzione in base alla quale i prelevamenti bancari non risultanti dalle scritture contabili siano considerati compensi.
- Introducendo il limite di 1.000 euro giornalieri e comunque il limite mensile di 5.000 euro mensili al di sotto dei quali non scatta la presunzione per gli imprenditori.

Sembra che la norma, essendo di natura meramente procedimentale, possa essere applicata retroattivamente e non solo per i prelevamenti effettuati antecedentemente al 3.12.2016.

 

Spese scuole infanzia e primarie detraibili in Unico // 730 2016

Diventano detraibili dall'IRPEF le spese di istruzione sostenute nel 2015 per la frequenza di:


- scuole dell’infanzia (bambini di età compresa fra i 3 ed i 5 anni)
- scuole del primo ciclo di istruzione (scuole primarie e secondarie di primo grado)

La detrazione del 19% si applica su un importo annuo non superiore ad Euro 400 per alunno.

In poche parole il risparmio massimo sarà di 76 euro.

Minimi e Regime Forfetario dal 2016

Il Ddl della Legge di Stabilità 2016 prevede diverse modifiche al regime c.d. "forfetario" nonchè l'abolizione del regime dei minimi dal 01/01/2016.


In particolare per il regime forfetario è previsto:
1) Aumento del limite dei ricavi (es. per i professionisti il limite passa da 15.000 a 30.000 euro).
2) In caso di lavoratori dipendenti o pensionati l'innalzamento a 30.000 euro del limite di tali redditi e la soppressione dell'obbligo di prevalenza del reddito da regime forferario.
3) Per chi inizia nuova attività la riduzione dell'imposta sostitutiva al 5% (anzichè 15%) per i primi 5 anni.

Mentre per il regime dei minimi non sarà più possibile accedervi dal 01/01/2016 ma rimarrà in vigore fino a scadenza naturale per coloro che adottavano il regime già nel corso del 2015.

 

Srl dal 2016 bilancio super semplificato per le micro-imprese

Dall'esercizio 2016, con l'introduzione del bilancio delle MICRO - IMPRESE (art. 2435 - ter del Codice Civile), è previsto l'esonero dall'obbligo di redazione della:

- Nota integrativa

per le  imprese che non superano due dei seguenti tre limiti:

1) Attivo dello stato patrimoniale: 175.000 euro.
2) Ricavi delle vendite e delle prestazioni: 350.000 euro.
3) Dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5 unità.

Questa semplificazione dovrebbe comportare un risparmio sulla parcella del commercialista.

Bonus Irpef 50% ristrutturazioni: ordinante diverso dal beneficiario

Secondo l'Agenzia Entrate nel caso in cui l’ordinante del bonifico per il pagamento delle spese relative a interventi di recupero del patrimonio edilizio (che godono della detrazione Irpef del 50%), sia un soggetto diverso da quello indicato quale beneficiario della detrazione, sarà il beneficiario e non l'ordinante ad avere diritto a fruire del bonus, sempre che, siano rispettati gli altri presupposti previsti dalla disciplina agevolativa.
Questa e altre risposte in materia di detrazioni Irpef sono contenute nella circolare n. 17/E del 24 aprile 2015.

Bollo auto e moto storiche per l'esenzione servono 30 anni

La Risoluzione 4/DF del 1/4/2015 emessa dal Ministero dell'Economia e delle Finanze ha chiarito che il limite di età dei veicoli affinchè possano godere della tassa di circolazione forfetaria e dell'IPT fissa è di 30 anni.
Le amministrazioni regionali non possono reintrodurre agevolazioni soppresse in quanto intervengono su di un tributo statale per il quale le stesse agiscono a livello di riscossione, accertamento, rimborsi, sanzioni e contenzioso, ma è lo Stato a stabilire i criteri sostanziali di applicazione.

Reverse charge edilizia: arrivano i chiarimenti

La circolare n. 14/E del 27 marzo u.s. ha chiarito alcuni aspetti relativi alle nuove prestazioni soggette ad obbligo di inversione contabile a partire dal 1.1.2015.
In particolare, al fine di individuare le prestazioni da assoggettare alla nuova normativa è necessario fare riferimento ai codici della tabella Ateco 2007.
L
e attività identificate sono quella della sezione F: Installazione di impianti, Demolizione e completamento.
Sono invece escluse dal meccanismo le forniture di beni con posa in opera in quanto tali operazioni, ai fini Iva, costituiscono cessioni di beni e non prestazioni di servizi, poiché la posa in opera assume una funzione accessoria rispetto alla cessione del bene.

Fatturazione elettronica alla P.a. per tutti dal 31/3/2015

L’obbligo di fatturazione elettronica per i fornitori delle pubbliche amministrazioni diventa obbligatorio per tutti, a partire dal prossimo 31 marzo.
Per gestire il flusso di documenti è stato istituito il Sistema di interscambio (Sdi), gestito dall’Agenzia delle Entrate, con il supporto del partner tecnologico Sogei.

Molti operatori offrono il servizio di compilazione ed invio delle Fatture elettroniche alla PA; per rapporto qualità/prezzo e facilità di utilizzo si suggerisce il servizio fornito da Aruba:https://www.pec.it/FatturazionePA.aspx

Il Milleproroghe "rescuscita" i minimi

Con l'approvazione definitiva da parte del Senato del c.d. "decreto milleproroghe" (Dl 192/2014) viene allungata a tutto il 2015 la possibilità di avvalersi del regime fiscale c.d. dei "minimi", abrogato con la legge di stabilità 2015 (Legge 190/2014).

Si tratta del regime che prevede un'aliquota di imposta del 5% per i primi cinque anni di attività ovvero, se superiore, fino al compimento del trentacinquesimo anno d'età.

Senza risparmi l'IVA aumenta al 25,5%

 

La Legge di Stabilità 2015 (legge n. 190 del 23.12.2014), ha stabilito ai commi 718 e 719 dell'unico articolo, che in assenza di provvedimenti in grado di assicurare effetti positivi sul bilancio dello Stato pari a quelli derivanti dall'aumento delle aliquote IVA, le stesse aumenteranno come segue:

- Aliquota 10% aumenterà al 12% dal 1.1.2016 e al 13% dal 1.1.2017.

- Aliquota 22% aumenterà al 24% dal 1.1.2016, al 25% dal 1.1.2017 e al 25,% dal 1.1.2018.

Ce la faranno i nostri eroi (politici) a scongiurare detti aumenti?

Nuovo regime forfetario

Entra in vigore dal 1.1.2015 il nuovo regime forfetario per imprese e professionisti.
Ecco le caratteristiche in sintesi:

  • determinazione forfetaria del reddito, moltiplicando i ricavi o i compensi prodotti nell'anno per uno specifico coefficiente (diverso a seconda dell'attività svolta e indicato nell'ultima colonna della tabella sottostante), e applicazione di un'imposta sostitutiva (di Irpef, addizionali Irpef e Irap) con aliquota del 15%;
  • esonero dall'obbligo di tenuta della contabilità;
  • non devono operare le ritenute;
  • esonero dall'applicazione degli studi di settore e dei parametri

Per accedere è necessario verificare che:

- i ricavi/compensi conseguiti/percepiti, ragguagliati ad anno, dell'anno precedente non superino i limiti indicati nella tabella sottostante:

LIMITI DI RICAVI/COMPENSI E COEFFICIENTI DI REDDITIVITÀ
Gruppo di settore
Codici attività Ateco 2007
Valore soglia
ricavi/compensi
Coefficiente
di redditività
Industrie alimentari
e delle bevande
(10 - 11)
35.000
40%
Commercio all'ingrosso e al dettaglio
45 - (da 46.2 a 46.9) -
(da 47.1 a 47.7) - 47.9
40.000
40%
Commercio ambulante di prodotti alimentari
e bevande
47.81
30.000
40%
Commercio ambulante di altri prodotti
47.82 - 47.89
20.000
54%
Costruzioni e attività immobiliari
(41 - 42 - 43) - (68)
15.000
86%
Intermediari del commercio
46.1
15.000
62%
Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
(55 - 56)
40.000
40%
Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari
ed assicurativi
(64 - 65 - 66) - (69 - 70 - 71 - 72 -
73 - 74 - 75) - (85) - (86 - 87 - 88)
15.000
78%
Altre attività economiche
(01 - 02 - 03) - (05- 06 - 07 - 08 - 09) - (12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33) - (35) - (36 - 37 - 38 - 39) - (49 - 50 - 51 - 52 - 53) - (58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63) - (77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82) -(84) - (90 - 91 - 92 - 93) - (94 - 95 - 96) - (97 - 98) - (99)
20.000
67%

- le spese per lavoro dipendente siano state inferiori ad Euro 5.000;

- il costo complessivo lordo dei beni strumentali sia stato inferiore ad Euro 20.000;

- eventuali redditi di lavoro dipendente e assimilati posseduti non devono essere superiori a quelli d'impresa, arte o professione, a meno che il rapporto di lavoro sia cessato o la somma delle due tipologie di reddito non ecceda i 20.000 euro.

Decreto semplificazioni: abrogazione modello IRE per lavori detraibili 65%

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del c.d. "Decreto Semplificazioni" (D.Lgs n.175/2014), sono divenute definitive diverse modifiche in campo fiscale, in particolare:

- È eliminato l'obbligo di presentazione all'Agenzia Entrate del modello IRE riservato alla comunicazione relativa ai lavori che proseguono per più periodi d’imposta ammessi alla detrazione per la riqualificazione energetica degli edifici.
Fino ad ora era necessario, infatti, inviare una comunicazione telematica all'Agenzia Entrate entro fine marzo per comunicare l'importo della spesa sostenuta nel periodo di imposta precedente.

Decreto Semplificazioni: immediata iscrizione al VIES per le nuove attività

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del c.d. "Decreto Semplificazioni" (D.Lgs n.175/2014), sono divenute definitive diverse modifiche in campo fiscale, in particolare:

Con modifica dell'art. 35 del DPR 633/72 è stato previsto:

1) L'inserimento nella banca dati Vies fin dalla data di attribuzione della partita Iva (senza necessità di attendere 30 gg).

2) La cancellazione automatica dalla banca dati Viess dei soggetti che non hanno presentato alcun modello Intrastat (per cessione di beni o prestazioni di servizio) per 4 trimestri consecutivi.
Tale cancellazione sarà preceduta da apposita comunicazione da parte delle Entrate.

effettua il login
Accedi alla tua cartella online per caricare,
leggere e gestire i tuoi documenti...

professionisti a tua disposizione
Dottor-one.it è un applicazione pensata
e realizzata da Mirus srl...

come funziona il cloud
Scopri come avere i tuoi documenti contabili
sempre a tua disposizione...

©2014/2015 - Dottor-one.it by Mirus s.r.l - P.IVA: 04037890235
Crediti