News

News, aggiornamenti e informazioni direttamente dallo staff di Dottor-one.it!

Regime dei minimi esercitato in assenza dei requisiti

Nel caso di applicazione del regime dei minimi in assenza dei requisiti prescritti per la sua adozione sono previste sanzioni maggiorate del 10% rispetto alle sanzioni minime e massime previste, qualora il maggior reddito accertato sia superiore del 10% rispetto a quello dichiarato.

Detrazione 50% anche per il cancello

Dalle faq del sito casa.governo.it

Quali sono i lavori – che danno diritto alla detrazione -finalizzati alla prevenzione di atti illeciti da parte di terzi?

Esempi di questi interventi sono il rafforzamento, la sostituzione o l’installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici; l’apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione; porte blindate o rinforzate; l’apposizione o la sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini; l’installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti; l’apposizione di saracinesche; tapparelle metalliche con bloccaggi, vetri antisfondamento, casseforti a muro, fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati; apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline.

Detrazione 50% NO per la semplice sostituzione del pavimento

Dalle faq del sito casa.governo.it

Posso detrarre le spese per la sostituzione del pavimento del salone?


No, la sostituzione di pavimenti rientra fra i lavori di manutenzione ordinaria
, che possono fruire della detrazione solo quando sono eseguiti su parti comuni del condominio. Tuttavia, se il lavoro fa parte di un intervento più vasto, agevolabile - come la demolizione di tramezzature, la realizzazione di nuove mura divisorie e lo spostamento dei servizi – anche la spesa per la sostituzione del pavimento può essere detratta.

 

Ape l'ennesimo balzello almeno è detraibile

L'Enea nelle sue faq ha chiarito che con l'entrata in vigore della Legge 90/2013 dal 3 agosto per accedere alla detrazione del 65% è necessario redigere l'A.P.E. (l'Attestato di Prestazione Energetica) (faq n. 67).
Sono esclusi gli interventi di cui ai commi 345, limitatamente alla sostituzione degli infissi in singole unità immobiliari, 346 e 347 della Finanziaria 2007.
Nel caso sia obbligatoria la redazione dell'A.P.E. le spese tecniche per la sua compilazione sono detraibili al 65%.

 

Bonus mobili e grandi elettrodomestici collegato a interventi agevolabili 50%

La circolare 29 del 18/9/2013 dell'Agenzia delle Entrate ha chiarito come la fruizione del c.d. "bonus mobili" spetti qualora il soggetto effettui anche uno dei seguenti interventi, su immobili residenziali, quali:

- manutenzione ordinaria su parti comuni (in questo caso sono agevolabili solo gli acquisti di mobili ed elettrodomestici finalizzati all'arredo delle parti comuni);
- di manutenzione straordinaria;
- di restauro e di risanamento conservativo;
- di ristrutturazione edilizia;
- necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, sempreché sia stato dichiarato lo stato di emergenza;
- di restauro e di risanamento conservativo, e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano entro sei mesi dal termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile.

 

 

Contribuenti minimi: recupero ritenute d'acconto subite

Come noto il regime dei c.d. "contribuenti minimi" prevede che i compensi percepiti non siano soggetti al prelievo di alcuna ritenuta a titolo di acconto.
Qualora fosse comunque stata subita una ritenuta d'acconto: per incertezza iniziale della normativa, per compensi derivanti da spese agevolate per il recupero del patrimonio edilizio e/o di risparmio energetico, o per errore; sarà possibile scomputarla indicandola nel rigo RS33 colonna 2 del modello Unico 2013 PF.

E' quanto ha stabilito l'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 55/E del 5/8/2013.

 

01/10/2013: Aumento aliquota Iva ordinaria dal 21% al 22%

A decorrere da martedì primo ottobre 2013, come disposto dall'art. 40, comma 1-ter, D.L. n. 98/2011, l'aliquota Iva ordinaria aumenta dal 21% al 22%.

L'Agenzia delle Entrate ha fornito alcune indicazioni con un comunicato stampa pubblicato il 30 settembre, precisando che nella fase iniziale dell'applicazione della nuova aliquota, gli operatori economici potranno regolarizzare le fatture eventualmente emesse e i corrispettivi annotati in modo non corretto, effettuando la variazione in aumento. La regolarizzazione non comporterà alcuna sanzione se la maggiore imposta collegata all'aumento dell'aliquota verrà comunque versata entro tali termini:

Contribuenti con liquidazione IVA mensile:

         - 27 dicembre (versamento acconto IVA) per il periodo di fatturazione di ottobre/novembre;

         - 16 marzo (liquidazione annuale) per il periodo di fatturazione di dicembre.

Contribuenti con liquidazione IVA trimestrale:

          - 16 marzo (liquidazione annuale) per il quarto trimestre di fatturazione.

Magra consolazione verrebbe da pensare....

Abolizione IMU prima casa finanziata dai risparmi sulla detrazione per polizze vita e infortuni

Come noto con il Decreto Legge n. 102 – pubblicato sulla  Gazzetta Ufficiale n. 204 del 31/8/13 – è stata esclusa dal pagamento della prima rata dell’Imu relativa al periodo d'imposta 2013 l'abitazione principale e relative pertinenze (con esclusione dei fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9) nonchè dei terreni agricoli e dei fabbricati rurali.
Questa non può che essere salutata come una buona notizia!
L'altro lato della medaglia è rappresentato dal fatto che per finanziare l'abolizione IMU prima casa venga ridotta la detraibilità Irpef delle polizze vita e infortuni; passerà infatti dagli attuali 1.291,14 Euro a 630 nel 2013 e 230 dal 2014...

730 "Situazioni particolari" per chi è rimasto senza lavoro

I soggetti che hanno perso il posto di lavoro e pertanto essendo privi di sostituto d'imposta non hanno potuto presentare il modello 730, hanno ora un'opportunità per recuperare velocemente le imposte a credito.

E' stata prevista infatti la possibilità di inviare il modello 730 dal 2 al 30 settembre con accredito diretto delle somme a credito direttamente sul conto corrente comunicato all'Agenzia delle Entrate.

Per comunicare le coordinate del conto corrente di acrredito, il contribuente dovrà avvalersi del servizio dell'Agenzia Entrate:

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Rimborsi/Accredito+rimborsi+su+conto+corrente+ACCRIMBCC/

Scomputo ritenute d'acconto non certificate

Con la compilazione della dichiarazione dei redditi si presenta puntuale l'annosa questione delle ritenute d'acconto subite dal professionista ma non certificate dal sostituto.
I motivi della mancata certificazione sono riconducibli sostanzialmente ad una gestione disordinata degli adempimenti fiscali da parte del sostituto o da impossibilità di versamento delle ritenute stesse.
In ogni caso, in considerazione del fatto che il professionista ha subito la trattenuta delle ritenute, egil è legittimato allo scomputo delle stesse a prescindere dalla loro certificazione.
L'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 68/E del 19/3/2009, ha sposato questa tesi stabilendo che il contribuente è "comunque legittimanto allo scomputo delle ritenute subite, a condizione che sia in grado di documentare l'effettivo assoggettamento a ritenuta tramite esibizione congiunta della fattura e della relativa documentazione, proveniente da banche o altri intermediari finanziari, idonea a comprovare l'importo del compenso netto effettivamente percepito, al netto della ritenuta, così come risulta dalla predetta fattura".

effettua il login
Accedi alla tua cartella online per caricare,
leggere e gestire i tuoi documenti...

professionisti a tua disposizione
Dottor-one.it è un applicazione pensata
e realizzata da Mirus srl...

come funziona il cloud
Scopri come avere i tuoi documenti contabili
sempre a tua disposizione...

©2014/2015 - Dottor-one.it by Mirus s.r.l - P.IVA: 04037890235
Crediti